Novembre 2017

Rocca di Frassinello: bellezza da assaporare

Oggi facciamo un viaggio in Toscana: andiamo nella tenuta di Rocca di Frassinello.
Tra Bolgheri e Scansano si nasconde una tenuta vinicola molto particolare che gli amanti del settore non possono non conoscere.

Cominciamo dall’aspetto estetico che attira subito la nostra attenzione perché molto diverso dalle cantine a cui siamo abituati solitamente. Questa tenuta infatti è stata disegnata da Renzo Piano; nonostante si discosti dai suoi soliti progetti racchiude il fascino delle sue opere. Questa gentile concessione è data dall’amicizia che lo lega a Paolo Panerai (uno dei proprietari della maison); la particolarità del progetto è che si sviluppa in modo funzionale al processo di vinificazione. E’ infatti strutturata in orizzontale in modo da facilitare tutti i passaggi che portano i grappoli d’uva fino all’imbottigliamento. L’area che più mi ha colpito è la barricaia (vedi foto) che ricorda un’arena, è il luogo in cui il vino si lascia riposare nel legno prima di essere imbottigliato.

E’ un luogo affascinante e inaspettato. Si può prenotare una visita guidata con un esperto della casa vinicola che racconta e ripercorre sia la storia che i processi di lavorazione.
All’interno della tenuta è anche possibile visitare un piccolo museo Etrusco; qui possiamo constatare che i nostri avi erano già dei grandi bevitori anche se i vini erano un pò diversi dai nostri.
Dopo la visita guidata si può fare una degustazione nella parte superiore della struttura.

Le bottiglie che abbiamo assaggiato sono state:
-Vermentino
-Ornello
-Le Sughere di Frassinello
-Rocca di Frassinello

Li ho trovati tutti e quattro buoni ma quello che ho preferito è stato il quarto.
Ottimo da abbinare ad un ragù o ad un arrosto.

Vi consiglio di visitare questa tenuta perché è caratteristica e particolare ed è un’ottima occasione per fare una gita fuori porta e assaporare del buon vino.

Vellutata di patate dolci con chips di pecorino!

Eccoci con un nuovo piatto autunnale caldo e gustoso: la vellutata di patate dolci con chips di pecorino!

E’ il periodo delle vellutate e io le propongo perché amo prepararle e gustarle cercando di personalizzare i piatti ogni volta in modo diverso.

La patata americana è un tubero dalla forma allungata e che risulta molto dolce al palato. E’ completamente diversa dalle patate a cui siamo abituati normalmente.

Cominciamo sbucciando e tagliando a pezzetti la patata.

Riempiamo una pentola con dell’acqua e portiamo a bollore (mi raccomando non troppa perché ci metterà più tempo ad evaporare). Saliamo a piacere o mettiamo un cucchiaino di dado di verdura (io uso sempre quello fatto in casa perché lo trovo più digeribile e leggero).
Possiamo ora versare nell’acqua la patata dolce e la facciamo cuocere per venti minuti.

In una padella mettiamo un foglio di carta forno e appoggiamo su dei coppapasta, all’interno versiamo uno strato di pecorino grattugiato e scaldiamo finché non inizia a diventare dorato. Togliamo dal fuoco e lasciamo raffreddare.
Quando i nostri dischetti di formaggio saranno a temperatura ambiente li sfiliamo dai coppapasta e li teniamo da parte.

Passati venti minuti vediamo se la patata americana è pronta (facciamo sempre la prova con la forchetta per vedere se all’interno è cotta in modo uniforme).
Con un frullatore a immersione creiamo una crema morbida e vellutata.

Possiamo condire con un filo d’olio e guarnire con le chips di pecorino che abbiamo preparato.

Siamo pronti per gustare questo piatto che ci scalda il cuore.

Buon appetito a tutti!

Alla prossima ricetta!