Giugno 2017

Orzotto cipolla e spinaci

Ciao a tutti, oggi prepariamo un’orzotto cipolla e spinaci.
E’ una ricetta più adatta ai mesi caldi ma mi piace molto e a fine preparazione lo faccio raffreddare un po’ in modo da mangiarlo tiepido. Se però lo preferite freddo è un piatto che si può anche gustare ad una temperatura più adatta all’estate.

D’inverno lo preparo sempre con legumi e verdure, in questo caso ho preferito abbinarlo a degli spinaci per renderlo più leggero.

L’orzotto è una ricetta semplicissima da fare, basta seguire gli stessi passaggi della preparazione del risotto.

Cominciamo quindi facendo rosolare in una padella della cipolla (in questa ricetta ne metto in abbondanza perchè mi piace molto il sapore) con dell’olio.

Aggiungiamo l’orzo perlato (io ne metto 70 grammi per persona).

Lo facciamo tostare, versiamo un bicchiere di vino e lasciamo sfumare l’alcol.

Versiamo del brodo di verdura fino a coprirlo.

Facciamo cuocere per 40 minuti aggiungendo l’acqua quando vediamo che si sta asciugando troppo.

A 15 minuti dalla fine mettiamo nella padella anche gli spinaci.

A fine cottura aggiungiamo del parmigiano e mantechiamo con una noce di burro.

Come vi dicevo prima potete servire caldo o freddo a seconda del vostro gusto.

Ditaloni rigati con pesto e mandorle

Oggi prepariamo un primo gustoso e fresco, i ditaloni rigati con pesto e mandorle.

Il pesto è un condimento genovese a base di basilico e pinoli. Ci sono molteplici varianti ma quella che vi propongo oggi è quella che più si avvicina alla ricetta originale.

Amo il basilico per il suo sapore fresco e per il suo profumo deciso.
Ne ho addirittura tre piantine sul mio davanzale e ho quindi attinto da una di quelle per fare questa ricetta.

Gli ingredienti per il piatto di oggi sono (per una porzione):

– 20 gr di basilico fresco
– 1 spicchio d’aglio
– 2 cucchiai di parmigiano
– 1 cucchiaio di pecorino
– un cucchiaino colmo di pinoli
– qualche grano di sale
– 2 cucchiai di olio di oliva
– 1 cucchiaio di mandorle in scaglie

Procedimento:

Per cominciare laviamo il basilico e lo mettiamo ad asciugare su della carta o su un canovaccio.

Prendiamo l’aglio, lo sbucciamo, lo priviamo dell’anima, lo mettiamo nel mortaio e insieme ai grani di sale grosso iniziamo a lavorarlo con il pestello in modo da ottenere una consistenza cremosa.

Aggiungiamo i pinoli e procediamo con lo stesso movimento in modo da tritarli bene e far diventare il composto omogeneo.

E’ il momento del protagonista. Prendiamo il basilico e, poche foglie per volta, lo mettiamo nel mortaio. Con un movimento circolare tritiamo le foglie.

Quando le avremo pestate tutte e avremo ottenuto una crema verde brillante possiamo aggiungere il parmigiano e il pecorino.

Per finire versiamo l’olio e mescoliamo il composto.

Nel frattempo mettiamo l’acqua sul fuoco e buttiamo la pasta.

Aggiungiamo un goccio di acqua di cottura al pesto per renderlo più morbido.

Quando i ditaloni rigati hanno raggiunto la giusta cottura, li scoliamo e li versiamo dentro una scodella capiente.

Aggiungiamo il pesto e amalgamiamo bene in modo che tutta la pasta sia condita.

Impiattiamo e diamo una spolverata di mandorle a scaglie su tutta la pasta.

Buon appetito.

I nostri ditaloni rigati con pesto e mandorle sono pronti da gustare.

A presto con una nuova ricetta.

Mini hamburger di melanzane e cereali al profumo di menta

Oggi prepariamo dei mini hamburger di melanzane e cereali al profumo di menta.
E’ una ricetta sana, genuina e con pochi grassi. E’ perfetta per chi sta seguendo una dieta equilibrata e senza eccessi.

Gli INGREDIENTI di oggi sono:

– 40 g di quinoa
– 40 gr di avena
– 1 melanzana di media dimensione
– 2 fette di cipolla
– 4/5 pomodorini
– 2 uova
– 3 cucchiai di formaggio grattugiato
– sale
– pan grattato
– semi di papavero

PROCEDIMENTO:

Per prima cosa mettiamo a bagno la quinoa e l’avena per 5 minuti.
Io le ho messe a bagno separatamente perché hanno tempi di cottura diversi.
Facciamo scaldare dell’acqua salata in un pentolino e quando arriva a bollore buttiamo la quinoa che sarà pronta in 20 minuti.
A 10 minuti dalla fine mettiamo nel pentolino anche l’avena che cuoce nella metà del tempo.
Scoliamo e lasciamo raffreddare.

Laviamo le melanzana e i pomodorini e li tagliamo a cubetti.
In una padella antiaderente versiamo un filo d’olio e facciamo imbiondire la cipolla tagliata a pezzetti senza farla bruciare.
Mettiamo le melanzane, i pomodorini e la menta nella padella con del dado di verdura e facciamo cuocere per 15 minuti a fuoco basso.

Quando sono cotte le mettiamo in un contenitore, aggiungiamo le due uova e amalgamiamo con un frullatore ad immersione.

In una scodella uniamo tutti gli ingredienti e aggiungiamo il formaggio grattugiato.

Formiamo delle palline con le mani, le appiattiamo e le passiamo nel pan grattato e nei semi di papavero.

Potete scegliere se friggerle in padella oppure se cuocerle al forno.

Nel primo caso fate scaldare dell’olio in una padella e adagiate delicatamente i vostri mini hamburger. Fateli cuocere 5 minuti per lato.

Se preferite la cottura in forno, prendete una casseruola, stendete della carta da forno e mettete un filo d’olio sulla superficie.

Posizionate i mini hamburger e fate cuore a 180 gr per 20/30 minuti. A meta cottura girateli dal lato opposto.

I vostri mini hamburger di melanzane e cereali al profumo di menta sono pronti.

Buon appetito!

Riso Venere con tartare di salmone e Philadelphia

Oggi cuciniamo il riso Venere con tartare di salmone e Philadelphia.

Il protagonista di oggi nasce vent’anni fa dall’incrocio di una varietà di
riso asiatica e una della pianura padana e deve il suo nome alla dea dell’amore
(in passato era ritenuto afrodisiaco).

Il riso Venere oltre a non contenere glutine ha un alto quantitativo di
fibre, minerali e acidi grassi, e ha inoltre una sostanza al suo interno che lo
rende un forte antiossidante. Queste proprietà gli permettono di essere un
alimento perfetto per chi sta seguendo un’alimentazione sana e per chi deve
limitare i grassi in eccesso.

Il suo contenuto calorico è di 377 calorie per 100 Gr.

La ricetta che vi propongo oggi è diventata molto popolare sopratutto tra chi
segue una sana e corretta alimentazione perchè contiene il giusto quantitativo
di proteine, carboidrati e grassi che l’organismo necessita.

Inoltre il salmone, l’altro ingrediente di questa ricetta, è ricco di Omega 3 ed è
un ottimo alleato per chi deve contenere il colesterolo in eccesso.

Cucineremo quindi il riso Venere con tartare di salmone e Philadelphia Light.

INGREDIENTI:

– 70 gr di riso venere
– 50 gr di salmone fresco
– 50 gr di Philadelphia Light
– 1 cucchiaio di salsa di soia

Procedimento

Mettiamo a cuocere il riso per 40/50 minuti e nel frattempo ci possiamo
occupare della tartare.

Prendiamo il nostro salmone fresco, mi raccomando siate certi che sia stato
abbattuto e che si possa mangiare crudo (io chiedo sempre consiglio al
pescivendolo). In alternativa potete utilizzare anche il salmone norvegese
affumicato (nella stessa quantità).
Lo tagliate a cubetti piccoli.
In una terrina emulsionate un cucchiaio d’olio, uno di salsa di soia e 50
grammi di Philadelphia.
Aggiungete nella terrina il salmone a cubetti e mescolate lentamente.
Quando il riso sarà pronto, lo scolate, lo condite con un filo d’olio e lo
fate raffreddare.

Potete servirlo dando la forma con un coppapasta creando degli strati
alternati di riso e tartare.

Il nostro riso Venere con tartare di salmone e Philadelphia è pronto, ora
potete gustarvi questo piatto fresco e nutriente!

Frullato antiossidante

Buongiorno amici, oggi vi propongo un frullato antiossidante, fresco e pieno di vitamine.
D’estate se ne bevono tantissimi e di ogni tipo. Sono veloci da preparare e fanno bene all’organismo.
Le vitamine della frutta di stagione sono perfette per cominciare alla grande una giornata calda e afosa.
Il frullatone di oggi ha tante vitamine e vi darà energia per tutto il giorno.

Gli ingredienti sono:
– 100 gr di mirtilli
– 100 gr di lamponi
– 1/2 banana
– 2 noci sgusciate
– 1 biscotto
– 250 ml di latte (o latte di soia)

Il procedimento è semplicissimo.
Prendete un contenitore, mettete tutti gli ingredienti all’interno e mixate con un frullatore ad immersione.

Risulterà leggermente denso ma se lo preferite più liquido potete aggiungere un goccio di latte.

Il vostro frullato antiossidante è pronto.

I frutti rossi fanno molto bene all’organismo e sono antiossidanti e detossinanti.
La banana vi darà il giusto quantitativo di potassio e le noci la giusta energia per affrontare la giornata.

Buon inizio d’estate a tutti.

A presto con nuovi articoli e nuove ricette.

Linguine al sapore di Sicilia

Oggi vi porto in Sicilia.
La ricetta che vi propongo mi piace molto perchè mi ricorda l’estate e le vacanze.
Ci porta in un baleno in un ristorantino in riva al mare e ci fa sentire i raggi del sole che ci baciano le gote.
Ho preferito le linguine perchè mi piace arrotolarle sulla forchetta e perchè si abbinano bene a questo condimento.

Laviamo una melanzana viola di media dimensione, la tagliamo in quattro spicchi ed eliminiamo la parte centrale che essendo spugnosa assorbe troppa acqua e olio.
La tagliamo poi in piccoli cubetti.
Prendiamo uno spicchio d’aglio e lo priviamo dell’anima.
In una padella mettiamo l’aglio, un filo d’olio e le melanzane e cuociamo per 15/20 minuti a fuoco medio.
Saliamo, aggiungiamo 3 cucchiai di passata di pomodoro e facciamo cuocere per altri 10 minuti.
Quando la pasta è cotta la saltiamo nella padella del condimento per qualche minuto.

A questo punto manca solo il tocco finale.
Aggiungiamo una manciata di capperi di Pantelleria che abbiamo lasciato a bagno precedentemente per levare un pò di sapidità e un bel cucchiaio colmo di olive taggiasche.
Mescoliamo e serviamo con una spolverata di ricotta salata.
Woilà.
Per voi un bel piatto con i sapori del sud.

A questo piatto ho abbinato un calice di Anthilia del 2016.

Buon appetito

Cous cous caprese

Oggi voglio parlarvi di un’altra variante del nostro amato cous cous.
E’ una ricetta semplice ma d’estate è bello preparare piatti veloci e freschi senza usare troppo i fornelli.
Quello che vi propongo in questo articolo può essere un piatto unico perché contiene carboidrati, proteine e le vitamine dei pomodori.
Cominciamo facendo bollire un bicchiere d’acqua con una punta di sale e poi versiamo nella padella una tazza scarsa di cous cous.
Spegniamo subito il fuoco. Questa volta lo lasciamo riposare per più di mezz’ora in modo che il cous cous sia a temperatura ambiente.
Tagliamo la mozzarella a cubetti e i pomodori a fettine sottili, in una scodella capiente con un mestolo mescoliamo tutti gli ingredienti, aggiungiamo un filo d’olio d’oliva e una bella manciata di basilico fresco.
Woilà, il nostro cous cous è pronto da gustare.

Per i più golosi consiglio al posto della mozzarella normale quella di bufala o una bella burrata saporita.
Se vi piacciono potete aggiungere anche una manciata di capperi sotto sale e olive nere.

Il bello del cous cous è proprio la sua versatilità. Si può gustare caldo o freddo e abbinato ad ogni ingrediente.
Presto posterò un articolo sul cous cous ai frutti di mare.
E’ uno dei miei preferiti, sarà per le origini campane di mia mamma.
Adoro il pesce cucinato in ogni modo e unito al cous cous è senza dubbio una combinazione vincente.

Come sempre buon appetito a tutti.

Cheese Cake ai frutti rossi

Ingredienti:

– 180 gr di biscotti
– 100 gr di burro
– 250 gr di Philadelphia
– 250 gr di panna
– 120 gr di zucchero a velo
– 10 gr di colla di pesce
– Marmellata di fragole
– 200 gr di mirtilli
– 50 gr di fragole

Procedimento:

Per prima cosa frulliamo i biscotti con il burro a temperatura ambiente.

Con il composto ottenuto riempiamo lo stampo e lo appiattiamo bene con un cucchiaio in modo da creare la base della nostra torta. Lo mettiamo in frigorifero per farlo indurire.

Ora ci occupiamo della crema di formaggio.

Mettiamo 10 gr di colla di pesce in acqua fredda per dieci minuti per farlo ammollare.

In un pentolino versiamo la panna e aggiungiamo i foglietti di gelatina ben strizzati.

Facciamo andare a fuoco lento mescolando di tanto in tanto e spegniamo appena raggiunge il bollore.

Frulliamo la panna con il Philadelphia e con lo zucchero. Quando avremo ottenuto una crema omogenea lasciamo raffreddare leggermente e lo versiamo sulla base stesa precedentemente con i biscotti.

Mettiamo in frigorifero per due/tre ore.

Appena sarà fredda e densa versiamo sulla superficie uno strato di marmellata e guarniamo con i mirtilli e le fragole.

Mettiamo nuovamente in frigorifero e dopo un’ora la nostra torta sarà pronta.

St John’s Lodge

Oggi vi mostro un’altra meraviglia nascosta. Sto parlando di St John’s Lodge all’interno di Regent’s Park.

Ci si accede da Inner Circle. E cominciando dal vialetto d’ingresso potete notare un gioco di piante rampicanti su archi e strutture in metallo che si ripete in tutto il giardino.

E’ una piccola meraviglia disegnata da Robert Weir Shultz nel 1889 con lo scopo di creare uno spazio silenzioso, immerso nel verde e adatto per rilassare la mente e meditare.

Al centro potete anche ammirare una fontana con la statua di Hylas e Ninfa molto caratteristica.

Cous Cous alle zucchine

Oggi prepariamo un piatto fresco e dai sapori estivi.

Il cous cous è veloce da preparare e si può abbinare a verdure, carne o pesce.

Quello di oggi è fatto con zucchine, pomodorini e basilico (va benissimo anche la menta).

Per cominciare ho lavato e tagliato le zucchine a cubetti.

Ho fatto rosolare dell’aglio con un filo d’olio e ho saltato le zucchine a fuoco basso per dieci minuti.

Ho poi tagliato dei pomodorini e li ho aggiunti nella padella con le zucchine.

Ho scaldato una tazza di brodo.

Quando l’acqua è arrivata a bollore l’ho versata nella padella con le verdure, ho aggiunto 50 grammi di cous cous e ho spento il fuoco.

Infine ho lasciato riposare dieci minuti.

A questo punto il nostro cous cous è pronto, possiamo servire tiepido oppure lasciare riposare e mangiare freddo.